Il mio Approccio

Il mio mestiere è quello della Consulente, sebbene abbia esercitato per 10 anni la professione della Psicologa, specializzandomi  come Psicoterapeuta ad indirizzo Psicoanalitico.

Il mio approccio lavorativo è di messa a fuoco dell'anima che ho davanti, per comprendere a che punto si trova del proprio cammino evolutivo.

S. Freud, C. G. Jung, E. Fromm, P. D. Ouspensky sono stati i principali Autori che hanno guidato la formazione del mio metodo, anche se l'esperienza, l'osservazione attenta della vita, la mia curiosità verso le cose più disparate, mi hanno sempre permesso quella freschezza e autenticità che mi piace aggiungere al mio lavoro, senza l'uso di tecniche che paralizzino la mia spontaneità intuitiva.

Sono convinta che partire da un solida base psicoanalitica mi permetta oggi di offrire un tipo di consulenza unica, non genericamente olistica o vincolata alla psicologia, ma una visione globale della persona, garantita dal mio aggiornamento costante su tematiche anche filosofiche, sociologiche, spirituali, antropologiche e quantistiche, per un servizio alla persona completo e al passo con i tempi. 

Ho la certezza che un individuo rappresenti l'unione tra pensieri, azioni e volontà e ho lasciato la psicologia per offrire un intervento completo, ovvero in grado di vedere tutte queste parti di una persona, non solo la mente o il comportamento.

Quando parlo con un cliente io guardo anzitutto l'anima che ho davanti e cerco di coglierne i reali obiettivi di crescita e le potenzialità, organizzando un lavoro ad hoc, nel rispetto dell'unicità dell'essere umano che incontro.

Credo nella verità, nella chiarezza e comincio un lavoro solo se mi riconosco in grado di sostenerlo e portarlo a termine con competenza ed onestà. Ho mantenuto una solida rete di ex colleghi psicoterapeuti, medici, psichiatri a cui invio persone che si rivolgono a me ma sono portatori di problematiche psicologiche specifiche: sono in grado di operare questo discernimento proprio grazie alle mie competenze cliniche di analisi della domanda, così da permettere alle persone di non perdere tempo e risolvere nel migliore dei modi le loro problematiche.

 

Mi piace creare con i miei clienti un'atmosfera di leggerezza, che non significa superficialità. Per farlo utilizzo un linguaggio privo di giudizio, preferendo stimolare l'abitudine all'osservazione e all'autosservazione, così che "guardare" il mondo diventi una nuova abitudine di vita.